06 gennaio 2012

L'importante è vincere, non partecipare

È una bella cosa avere come possibili candidati alle primarie due donne e un giovane combattente.

Vediamo come è nata la cosa e come può finire.

Circa un anno fa, salutata da un furente e dissennato attacco della destra, è nata l’Associazione Alghero Bene Comune (nota ABC) "con l’obiettivo di contribuire a costruire le condizioni perché la città di Alghero abbia un buon governo, un governo orientato al conseguimento del bene comune, un governo di donne e di uomini, efficace, partecipato, equo, aperto, onesto, solidale (...) L’Associazione non parteciperà come tale a competizioni elettorali, anche se si augura che molti suoi iscritti siano candidati ed eletti."

Credo sia giudizio condiviso il fatto che la nascita di questa Associazione abbia favorito l’emergere di nuove energie sociali; è mia opinione poi che essa abbia favorito il rafforzarsi dell’opposizione in consiglio comunale e contribuito a una sua maggiore unità e incisività.

ABC "prevede l’adesione di persone diverse, diverse come esperienze, come mentalità, come ideologia, come collocazione politica; questa diversità è un bene ed è una forza, e trova la sua composizione nei principi che stanno alla base dell’esistenza dell’Associazione" e dunque ha dovuto e voluto mettersi in sonno nel periodo in cui è iniziata la fase preliminare della competizione elettorale.

Il 14 settembre 2011 un gruppo di persone alcune delle quali appartenenti anche ad ABC, altre no (e alcuni di ABC, tra cui due membri su sei del direttivo non hanno aderito) hanno proposto il cosiddetto appello per il buon governo, rectius “discussione pubblica per un buon governo e per un governo diverso di Alghero”.

Anche questo percorso è stato utile, raccogliendo l’adesione di oltre mille cittadini e il sostegno di cinque forze politiche e organizzando iniziative e incontri, vivaci, partecipanti e democratici e proposto delle idee di programma, articolate e condivise.

Anche "il buongoverno" si è fermato, dopo aver bene operato, anche per non frantumarsi sullo scoglio, sempre difficile, dell’espressione di candidature per le primarie.

Un gruppo di persone, alcune anche di ABC, altre anche del "buongoverno", altre "nuove" hanno pensato che fosse un buon metodo e una buona prassi proporre alla discussione pubblica una proposta di candidatura, quella di Maria Graziella Serra. Lo abbiamo fatto, dopo averla presentata ai garanti e alle forze politiche del buongoverno, con l’esplicita dichiarazione che era una candidatura per unire.

Candidatura per unire vuol dire e voleva dire che c’è e c’era disponibilità a misurarsi nel confronto pubblico con altre candidature per arrivare a una candidatura unica del buongoverno; vale la pena sottolineare che il buongoverno aveva allargato in modo significativo il campo del centrosinistra con l’adesione di IRS e la mobilitazione di molte cittadine e cittadini senza partito.

Come si vede un percorso lungo e articolato, ma coerente e trasparente.

Ora c’è in campo oltre a Maria Graziella Serra, anche Rosa Accardo, proposta con un metodo simile (quello che insistentemente abbiamo raccomandato per settimane), ed è annunciata quella di Valdo Di Nolfo. Se non capisco male (nel caso di MGS lo so positivamente) anche queste due altre candidature si ispirano al percorso del buongoverno.

L’unica prospettiva sensata è che il giorno 21 venga presentata alle primarie una sola candidatura di questa area (che non comprende solo i partiti alla sinistra del PD, ma anche IRS, ma anche iscritti al PD e moltissime persone libere), dopo – lo ripeto sino alla nausea – un dibattito pubblico che verifichi il consenso e la spinta propulsiva delle candidature.
Con un obiettivo in mente, quello di cercare di vincere, ovvero di dare alla nostra città un governo diverso e un diverso governo, un obiettivo, quello di vincer che spesso a sinistra si mette da parte, sacrificandolo a malintesi interessi di parrocchia.

Come sceglierla?
Se si accetta questa prospettiva ci sono modi, semplici e trasparenti per farlo.

Intanto "C’è un’Alghero Migliore".



BAU ospita opinioni e scritti. Le opinioni di chi le esprime sono le sue, per cui BAU non esercita censure di nessun tipo né modifica il contenuto dei testi ricevuti (salvo un rigoroso controllo dell'italiano).
Per inviarci opinioni da pubblicare scrivere all'indirizzo:
bloggersdalgherouniti@gmail.com


Arnaldo "Bibo" Cecchini ha detto...

Caro Domenico, grazie per spingermi a una precisazione. Immagino che anche quella parte del PD che non ha aderito al buongoverno vorrà esprimere almeno un candidato. Ed ecco le primarie. Un caro saluto.

Posta un commento